Blog


Anatocismo e interessi non concordati: la Banca ingiunge un pagamento di 40.000 euro, il Tribunale lo cancella e la condanna a restituirne 32!

Il tribunale di Roma ribalta il debito a favore del correntista poiché l’art. 1284 c.c. prevede la nullità degli interessi se non pattuiti per iscritto Il tribunale di Roma, nella persona del Giudice dott. Cricenti

Source: www.oltreildiritto.it

ll tribunale di Roma ribalta il debito a favore del correntista poiché l’art. 1284 c.c. prevede la nullità degli interessi se non pattuiti per iscritto

Il tribunale di Roma, nella persona del Giudice dott. Cricenti, ha praticamente ribaltato il debito di una correntista e del garante(suo padre) nei confronti della banca che ingiungeva il pagamento di 40.000 euro.

La vicenda ha inizio nel 2009, quando la banca Monte dei Paschi di Siena, Gestione Crediti Banca S.p.A., notifica a S.G., titolare di un’edicola, e a M.G., suo padre e garante, un decreto ingiuntivo pari a 40.203,24 euro, con l’aggiunta di interessi convenzionali e spese legali. La banca motiva la sua richiesta come saldo dei rapporti di conto corrente intercorsi.

Tuttavia i due presunti debitori non saldano la cifra e, anzi, si rivolgono agli avvocati sostenendo l’infondatezza del credito in quanto determinatosi nel corso degli anni a causa dell’addebito di interessi che non sarebbero mai stati validamente pattuiti nel tasso effettivamente applicato dalla banca. A questi si sarebbero aggiuntecommissioni e spese anche queste non dovute, peraltro capitalizzate trimestralmente insieme agli interessi in violazione di legge. Padre e figlia, inoltre, sottolineano nella loro motivazione l’usurarietà degli interessi addebitati, con la diretta conseguenza della perdita del diritto, da parte della banca, di percepirli.

Con queste motivazioni, gli avvocati chiedono che la banca sia condannata alla restituzione di quanto indebitamente percepito nel corso degli anni. Alla prima udienza l’avvocato difensore della banca continua ad insistere per ottenere l’esecuzione del decreto ingiuntivo, ma il Giudice rigetta l’istanza. A questo punto viene disposta una consulenza tecnica d’ufficio, che conferma la validità delle motivazioni della correntista e dei suoi avvocati: “E’ ormai acquisito che i patti che prevedono interessi in misura superiore alla forma scritta devono essere stipulati per iscritto (art 1284 uc. c.c.) (da ultimo Cass. N. 2072 del 2013)”, recita la sentenza.

La vicenda si è conclusa lo scorso 23 dicembre 2014,con la sentenza del Tribunale di Roma che ha:

revocato il decreto ingiuntivo della banca;condannato l’istituto di credito alla restituzione di 31.310,43 euro alla sig.ra S.G. e 542,33 euro al sig. M.G.;condannato l’Istituto al pagamento delle spese legali per un ammontare di euro 3.500;condannato l’Istituto al pagamento delle spese della consulenza tecnica.

 

 

See on Scoop.itQuaderni di diritto bancario

Related Posts